Blog
Blog

Gli incontri del lunedì

Il 3 Aprile 2022 si è svolto il primo incontro del lunedì.

Da settimane sentivo l’esigenza di creare uno spazio di continuità per gli interessati e le appassionate di psicoterapia di gruppo per mantenere un filo conduttore e soprattutto la coerenza con il modello che da anni utilizzo, che prevede la matrice esperienziale come base imprescindibile per ricerca, formazione e psicoterapia.

Trasversalmente alla teoria, alla supervisione, ai tirocini e al lavoro di ogni psicoterapeuta, c’è il confronto continuo con il gruppo, nel gruppo.

Ho condiviso con le colleghe con cui ho iniziato le prime forme di ricerca in psicoterapia di gruppo strategico esperienziale la proposta di organizzare degli incontri periodici estesi alle psicoterapeute e psicoterapeuti che avevano iniziato, stavano proseguendo o avevano terminato la formazione con me e così quel lunedì sera eravamo in 10 a cercare di capire che succedeva e dove potevamo andare.

Lo spazio è sempre libero nei suoi contenuti, nell’organizzazione del processo e nelle proposte: di solito si prepara un foglio condiviso giorni prima dell’incontro con gli argomenti che si vogliono trattare o in altri casi è un momento puramente esperienziale dove si sperimenta la co-conduzione di gruppo, strumento peculiare del Gruppo Strategico Esperienziale (GSE).

Le partecipanti sono diffuse sul territorio, pertanto l’incontro avviene online anche se periodicamente ci incontriamo di persona nello studio per mantenere il contatto tridimensionale.

L’aspetto narrativo della ricerca in psicoterapia è mantenuto tramite la puntuale sintesi scritta degli incontri, lasciata alla libertà espressiva di chi, a turno, si occupa del trovare le parole a posteriori che parlino dell’incontro.

L’incontro del lunedì è un momento che riesce a includere, usando l’immaginazione e la fantasia invece della regola e dell’ordine gerarchico, supervisione, ricerca, formazione e anche psicoterapia di gruppo perché ogni partecipante è consapevole che continua a lavorare su sé stesso laddove le colleghe in co-conduzione restituiscono un’interpretazione o attivano un movimento dinamico nel singolo o nell’intero gruppo.

È uno spazio sociale perché include la sperimentazione, la conoscenza dell’altro tramite diversi linguaggi comunicativi non solamente verbali che accrescono e integrano l’esperienza e pertanto la capacità relazionale della psicoterapeuta.

I gruppi di psicoterapia che nascono dal lavoro di psicoterapeute che continuano a mantenere il contatto esperienziale con il proprio gruppo di appartenenza garantiscono l’efficacia, la genuinità e la formazione continua in psicoterapia più utile e importante per la cura dei pazienti di qualsiasi corso o approfondimento teorico.

Nello specifico del modello strategico non risultano ricerche, resoconti o proposte in cui la matrice esperienziale continua è la sorgente dell’epistemologia di gruppo, tantomeno si rintraccia la peculiarità dell’utilizzo della co-conduzione con precisi significati all’interno del processo di gruppo.